Simboli di Manutenzione: vademecum per leggerli correttamente

Simboli di Manutenzione: vademecum per leggerli correttamente

Un capo rovinato per un cattivo lavaggio ti ricorda qualcosa? E quel bel maglione bianco diventato rosa e che magari si è ristretto alla taglia S mentre tu porti una XL? In entrambi i casi, forse avresti dovuto leggere i simboli di manutenzione riportati sull’etichetta composizione del tuo capo.

In questo articolo, infatti, non ti spiegheremo come fare un lavaggio perfetto, o come accendere la lavatrice. Quello che ti spiegheremo sono proprio quei simboli che ti indicano cosa fare e cosa no per mantenere al meglio il tuo capo, quando si tratta di lavarlo, asciugarlo e stirarlo. Non solo: vedremo anche quali normative regolano la loro disposizione e le loro descrizioni.

Simboli di Manutenzione con descrizone - Care Labels

Fonte: Wikipedia

NORMATIVE

Paese che vai, normativa che trovi, ma più in generale, i simboli devono poter garantire che il capo trattato secondo quelle indicazioni, non si rovini. Alcuni Paesi, infatti, per dovizia di informazioni, estendono questo criterio indicando anche l’asciugatura come debba essere effettuata, se all’ombra, in piega o altro. I simboli di manutenzione possono dunque variare da Paese a Paese, anche se ultimamente si stanno pian piano uniformando all’intero sistema di identificazione e descrizione: basti pensare al Giappone, che come detto nell’articolo introduttivo alle etichette di composizione, è passato da un sistema a 41 simboli ((JIS L0217)ad un sistema più vicino (per quel che riguarda la simbologia) a quello internazionale.

Etichetta simboli manutenzione giapponese

Etichetta simboli manutenzione giapponese

Il sistema GINETEX (International Association for Textile Care Labelling), insieme a quello europeo, americano e giapponese, costituiscono i principali punti di riferimento per la manutenzione del capo, nonostante i simboli grafici possano differire; se però in alcuni paesi questi sono sufficienti, in altri, come ad esempio USA e AUSTRALIA, le loro descrizioni sono ben più importanti, se non indispensabili. in buona sostanza “il produttore o l’importatore devono dare evidenza che il prodotto non viene danneggiato quando viene sottoposto ai trattamenti di manutenzione indicati in etichetta, includendo le indicazioni non presenti implicite.” (Fonte: http://www.unindustria.treviso.it/confindustria/treviso/istituzionale.nsf/attach/F60838AD5554D009C1257D1600451F4F/$File/Etichettatura%20mercati%20internazionali_Treviso%2010%20luglio%202014_LUALDI.pdf?OpenElement)

SIMBOLI DI MANUTENZIONE: COSA SIGNIFICANO?

Simboli di lavaggio - Etichette di Manutenzione

No, non sono i litri di acqua che devi utilizzare; la tinozza ed il numero al suo interno indicano il lavaggio e la relativa temperatura MASSIMA del”acqua per evitare che il tuo capo faccia una brutta fine. Queste temperature non sono indicative, ma frutto di test specifici effettuati dai produttori del capo stesso, che devono in tal modo garantire tu abbia tutte le informazioni necessarie a non rovinare i tessuti di cui è composto. Se invece troviamo una mano, significa che il capo deve essere lavato necessariamente a mano.

Simboli di Candeggio - Etichette di manutenzione

Il Triangolo = Candeggio. Ovviamente, il triangolo deve essere vuoto per poter essere certi di non rovinare nulla. Le due linee poste nel secondo triangolo, invece, indicano che il candeggio è consentito solo con sostanze all’ossigeno. Inutile dire che la croce sopra a questo simbolo, così come posta sopra agli altri, indica l’impossibilità di quel trattamento.

 

Simboli di Asciugatura - Etichette di Manutenzione

Asciugatura: Alcuni capi possono essere asciugati con le moderne asciugatrici, ma anche qui ci sono delle attenzioni da riporre. Se all’interno troviamo un punto, la temperatura max è di 60°. In caso di due punti, la temperatura è fino agli 80°.

Simboli di Stiratura - Etichette di Manutenzione

Medesimo discorso dell’asciugatura. I puntini all’interno indicano la temperatura MAX di stiratura. 1 = 110°, 2 o più di 2 = 150° – 200°. In qualsiasi caso prestare attenzione al vapore.

Simbolo Lavaggio a Secco - Etichette di Manutenzione

Vi è poi la particolarità del lavaggio a secco, riservata in genere ai negozi e alle pulisecco, appunto, che indica le particolari condizioni in cui è possibile o meno effettuare questo tipo di lavaggio. Questo tipo di simbolo, indica con che tipologia di sostanze il capo debba essere lavato.

Sotto questi simboli, a volte, compaiono delle linee; una indica che il trattamento deve essere più blando, mentre nel caso di due o più l’attenzione deve essere maggiore.

L’ordine in cui questi simboli è indicato non è casuale: l’etichetta infatti deve attenersi a precise norme. Per l’Europa prima il lavaggio, poi il candeggio, l’asciugatura, la stiratura, ed infine il trattamento professionale. Se uno di questi non è indicato, allora i trattamenti previsti da quel simbolo sono tutti possibili.

In Corea, per esempio, le cose non sono così “semplici”. I simboli sono più numerosi, ed appaiono in quest’ordine:

  1. lavaggio a macchina
  2. lavaggio a mano
  3. candeggio
  4. stiratura
  5. lavaggio a secco
  6. strizzatura
  7. asciugatura naturale
  8. informazioni aggiuntive.

4 di questi devono comparire obbligatoriamente, con relative descrizioni eventuali in Coreano.

Simboli di Lavaggio - Tabella Completa Etichette di Manutenzione

La vastità dei simboli, dunque, serve a coprire tutte le eventualità nel processo di manutenzione del capo, e a garantire all’utente finale di non brancolare nel buio. Di contro, una interpretazione corretta di questi stessi simboli è d’obbligo, poichè leggerli “male” o non correttamente potrebbe portare a risultati ben peggiori. A supporto delle aziende che, come TDP, operano in questo ambito ci sono software preposti alla creazione e alla realizzazione delle stesse etichette composizione, che integrano le più recenti normative, con particolare attenzione per i produttori e i distributori, i quali devono attenersi scrupolosamente ad esse, onde evitare il rischio di sanzioni o sequestri; ecco perchè TDP mette a disposizione la propria competenza anche in questo settore; non solo nella produzione e la stampa delle etichette, ma anche nella consulenza circa i vari aspetti ad essa legati, come ad esempio i simboli di manutenzione.

Fonti: https://blog.homegate.ch/it/cosa-significano-esattamente-i-simboli-di-lavaggio/